I Fumetti della Resistenza

Copertina
16 giovani illustratori
per 8 giovani partigiani

Prima pagina :: Eventi :: Eventi Cittadini :: Autorizzato dalla Questura il "pellegrinaggio" neofascista al Monumentale

 

COMUNICATO DELL'ANPI COMITATO PROVINCIALE DI MILANO

Contrariamente a quanto preannunciato dal Prefetto di Milano il cosiddetto pellegrinaggio dei reduci della Repubblica di Salò, sicuramente affiancati da Lealtà e Azione, al Cimitero Monumentale, per "commemorare", sabato 23 marzo mattina,  la nascita del fascismo a Milano, è stato confermato dalla Questura di Milano.

Riteniamo gravissima questa decisione con la quale si consentirebbe ai neofascisti di celebrare una data nefasta per l'Italia e per il mondo intero. 
Martedì 19 marzo abbiamo consegnato al Prefetto e al Questore di Milano istanza con la quale chiediamo che "vengano vietate tutte le manifestazioni fasciste in luogo pubblico o aperto al pubblico, il cui contesto rievocativo e commemorativo del nefasto centenario della nascita dei fasci di combattimento a Milano, appaia evidente o anche solo indirettamente perseguito dai proponenti."
Abbiamo poi osservato nel nostro esposto che "il "pellegrinaggio" si sostanzierebbe in una adunata nei pressi del monumento (la cripta fatta erigere da Mussolini nel 1925) il cui scopo commemorativo è evidente fin dalla motivazione degli stessi richiedenti.
Trattandosi di adunata in luogo pubblico a dichiarato scopo commemorativo la stessa risulta vietata dal provvedimento prefettizio".
Chiamiamo tutti coloro che hanno a cuore i valori e i principi della nostra Costituzione nata dalla Resistenza a partecipare alla grande, pacifica e unitaria manifestazione antifascista che si terrà sabato 23 marzo alle 9,30 al Cimitero Monumentale, davanti al Monumento al Deportato, per ricordare tutte le vittime della persecuzione nazifascista.

Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano