Giustizia e Libertà

Giorgio Bocca

Giorgio Valentino Bocca (Cuneo, 18 agosto 1920 – Milano, 25 dicembre 2011) è stato uno scrittore, partigiano, antfascista e storico italiano.

Giorgio BoccaNativo di Cuneo e cresciuto in una famiglia della borghesia piemontese, nel 1943 Bocca decide di aderire, nella clandestinità, al Partito d'azione. A questa scelta lo induce l'esempio dell'amico Benedetto Dalmastro assai vicino a Tancredi “Duccio” Galimberti. L'8 settembre, alla firma dell'armistizio, raggiunge con Dalmastro e un gruppo di compagni, dopo aver raccolto le armi abbandonate nelle caserme di Cuneo, la frazione Frise di Monterosso Grana. Nasce così il primo nucleo della locale banda partigiana di "Italia Libera". Comandante di banda della formazione in Valle Maira, nella primavera del 1944 Bocca é inviato a stabilire le basi della Brigata Giustizia e Libertà "Rolando Besana" in Valle Varaita e ne diviene il comandante. Il 5 maggio 1944, con Benedetto Dalmastro, Luigi Ventre e Costanzo Picco partecipa a un incontro tra partigiani italiani e francesi organizzato il 12 maggio 1944 a Colle Sautron. All'incontro faranno seguito le intese politico-militari tra i due movimenti, stipulate il 22 maggio e il 30 maggio 1944. Nei primi giorni del 1945 Bocca è nominato comandante della decima divisione Langhe delle formazioni "Giustizia e Libertà". Torna quindi in Val Maira, divenendo commissario politico della seconda Divisione "Giustizia e Libertà". Tra le sue numerose azioni, si ricorda quella che tra il 12 e 13 aprile 1945 conduce alla cattura, nella cittadina di Busca, della compagnia controcarro della Divisione "Littorio" della Repubblica Sociale Italiana. Per l’attività partigiana Giorgio Bocca riceve la Medaglia d’Argento al valor militare. Dopo la Liberazione, Bocca si avvia alla carriera di giornalista, dapprima a Torino, nel quotidiano di Giustizia e Libertà e quindi, a Milano, come redattore del settimanale “Europeo” e come corrispondente del quotidiano torinese “La Gazzetta del Popolo”. Quando nasce “Il Giorno”, nel 1956, ne diviene inviato. Nel 1976 è tra i fondatori del quotidiano “la Repubblica”. Il suo è un giornalismo militante, che attraverso reportage, inchieste, commenti e interviste, si propone di denunciare i guasti della società italiana. La sua critica si accentua negli anni più recenti, forte di una scrittura semplice ma dura, concreta e aspra, di intensa comunicazione, sostenuta da un'alta moralità e da un legame mai interrotto con l'esperienza resistenziale. I suoi articoli sono diventati, spesso, traccia e ossatura dei suoi numerosi libri, tra reportage, ricerca storica, pamphlet e autobiografia. Lo ricorderemo sempre tra le figure di spicco del movimento partigiano e per essere rimasto sempre coerente a quella sua fondamentale scelta di campo per la libertà e la democrazia maturata durante la Resistenza.

Opere

  • Partigiani della montagna. Vita delle divisioni Giustizia e Libertà del Cuneese, Borgo San Dalmazzo, Bertello, 1945; Milano, Feltrinelli, 2004. ISBN 88-07-17097-3
  • I ballerini, Firenze, Vallecchi, 1960.
  • Miracolo all'italiana, Milano, Avanti!, 1962.
  • I Giovani Leoni del Neocapitalismo, Bari, Laterza, 1963.
  • La scoperta dell'Italia, Bari, Laterza, 1963.
  • Nenni quarant'anni dopo, Firenze, Marchi, 1964.
  • Una Repubblica partigiana. Ossola, 10 settembre - 23 ottobre 1944, Milano, Il Saggiatore, 1964.
  • La Resistenza nel saluzzese, con Mario Giovana e Giampaolo Pansa, Saluzzo, RPC, 1964.
  • La nuova frontiera di Milano. Almanacco Torriani 1965, Milano-Roma, Torriani, 1965.
  • Storia dell'Italia partigiana. Settembre 1943-maggio 1945, Bari, Laterza, 1966.
  • Cavallero, Milano, Longanesi, 1968.
  • Storia d'Italia nella guerra fascista. 1940-1943, Bari, Laterza, 1969.
  • I manifesti italiani fra belle epoque e fascismo, presentati da, Milano, Fratelli Fabbri, 1971.
  • L'Italia fascista, Milano, A. Mondadori, 1973.
  • Palmiro Togliatti, Roma-Bari, Laterza, 1973.
  • La Russia di Breznev. Resoconto di viaggio e informazioni, Roma-Bari, Laterza, 1974.
  • Storie della Resistenza, Verona, Edizioni scolastiche B. Mondadori, 1976.
  • L'Italia è malata, Roma, l'Espresso, 1977.
  • La repubblica di Mussolini, Roma-Bari, Laterza, 1977.
  • Moro: una tragedia italiana, a cura di, Milano, Bompiani, 1978.
  • Storia popolare della Resistenza, Roma-Bari, Laterza, 1978.
  • Il terrorismo italiano. 1970-1978, Milano, Rizzoli, 1978.
  • Vita di giornalista, a cura di Walter Tobagi, Roma-Bari, Laterza, 1979.
  • Il caso 7 Aprile. Toni Negri e la grande inquisizione, Milano, Feltrinelli, 1980.
  • Viaggio nella storia e nella cultura, 3 voll., Bologna, Zanichelli, 1980.
  • I signori dello sciopero, Milano, Longanesi, 1980.
  • Storia della Repubblica Italiana, 6 voll., Milano, Rizzoli, 1981.
  • Il terrorismo italiano, 1970-1980, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 1981.
  • In che cosa credono gli italiani?, Milano, Longanesi, 1982.
  • Storia della Repubblica italiana dalla caduta del fascismo a oggi, Milano, Rizzoli, 1982.
  • Mussolini socialfascista, Milano, Garzanti, 1983.
  • Italia anno uno. Le campagne senza contadini, le città senza operai, Milano, Garzanti, 1984.
  • Trent'anni di trame, a cura di, Milano, L'Espresso, 1985.
  • Noi terroristi. Dodici anni di lotta armata ricostruiti e discussi con i protagonisti, Milano, Garzanti, 1985.
  • Cadillac Allante, Milano, Automobilia, 1986.
  • L'Italia che cambia, Milano, Garzanti, 1987. ISBN 88-11-73992-6.
  • Gli anni del terrorismo. Storia della violenza politica in Italia dal '70 ad oggi, Roma, A. Curcio, 1988.
  • Gli italiani sono razzisti?, Milano, Garzanti, 1988. ISBN 88-11-73995-0.
  • L'uomo l'energia la vita, Roma, Enel, 1988.
  • Il padrone in redazione, Milano, Sperling & Kupfer, 1989. ISBN 88-200-0957-9.
  • La disUnità d'Italia. Per venti milioni di italiani la democrazia è in coma e l'Europa si allontana, Milano, Garzanti, 1990. ISBN - 88-11-65090-9. Premio Sila
  • Il provinciale. Settant'anni di vita italiana, Milano, A. Mondadori, 1991. ISBN 88-043-4197-1 - Premio Bagutta; Milano, Feltrinelli, 2007. ISBN 9788807017216.
  • L'inferno. Profondo sud, male oscuro, Milano, A. Mondadori, 1992. ISBN 88-04-36274-X.
  • Metropolis. Milano nella tempesta italiana, Milano, A. Mondadori, 1993. ISBN 88-04-37455-1.
  • Il sottosopra. L'Italia di oggi raccontata a una figlia, Milano, A. Mondadori, 1994. ISBN 88-04-38761-0.
  • Il filo nero, Milano, A. Mondadori, 1995. ISBN 88-04-40092-7.
  • Il viaggiatore spaesato, Milano, A. Mondadori, 1996. ISBN 88-04-41602-5.
  • Italiani strana gente, Milano, A. Mondadori, 1997. ISBN 88-04-43044-3.
  • Voglio scendere!, Milano, A. Mondadori, 1998. ISBN 88-04-45541-1.
  • Il secolo sbagliato, Milano, A. Mondadori, 1999. ISBN 88-04-47055-0.
  • Pandemonio. Il miraggio della new economy, Milano, A. Mondadori, 2000. ISBN 88-04-48175-7.
  • Il dio denaro. Ricchezza per pochi, povertà per molti, Milano, A. Mondadori, 2001. ISBN 88-04-49737-8.
  • Piccolo Cesare, Milano, Feltrinelli, 2002. ISBN 88-07-17070-1.
  • Basso Impero, Milano, Feltrinelli, 2003. ISBN 88-07-17085-X.
  • L'italia l'è malada, Milano, Feltrinelli, 2005. ISBN 88-07-17105-8.
  • Napoli siamo noi. Il dramma di una città nell'indifferenza dell'Italia, Milano, Feltrinelli, 2006. ISBN 88-07-17116-3.
  • Le mie montagne. Gli anni della neve e del fuoco, Milano, Feltrinelli, 2006. ISBN 88-07-17125-2.
  • È la stampa, bellezza! La mia avventura nel giornalismo, Milano, Feltrinelli, 2008. ISBN 978-88-0717-155-0.
  • Annus Horribilis, Milano, Feltrinelli, 2010. ISBN 978-88-0717-182-6.
  • Fratelli coltelli. 1943-2010: l'Italia che ho conosciuto, Milano, Feltrinelli, 2010. ISBN 978-88-07-17196-3.
Pin It
Copyright © 2011-2021
Sezione ANPI Monforte - Porta Venezia "Poldo Gasparotto" Milano.

La sezione ANPI Monforte Porta Venezia "Poldo Gasparotto"
ha sede in Via Pergolesi, 15 - 20124 Milano
presso il circolo "Fiorella Ghilardotti" (citofono)
MM1 (linea rossa) fermata Piazzale Loreto - MM2 (linea verde) fermata Caiazzo